Xirumi – Cronologia sintetica dei fatti

3 febbraio 2006. Arriva in Comune la proposta di variante al P.R.G. della società SCIRUMI s.r.l., presentata dal suo presidente, dott. Mauro De Paoli (uomo della Maltauro). La proposta è corredata di progetto, relazioni, pareri e studi vari.
9 febbraio 2006. Appena 6 giorni dopo il Coordinatore del 4° settore del comune di Lentini, Arch. D’Anna, chiede all’Amministrazione Comunale, di esprimersi sulla variante, “precisando che la stessa non contrasta né con lo strumento urbanistico generale, né con le previsioni dello Schema di Massima approvato del nuovo P.R.G. in fase di approvazione”.
17 febbraio 2006. Il Sindaco Neri, 8 giorni dopo la nota dell’Arch. D’Anna, “appresa l’importante rilevanza sociale” (quindi sembrerebbe che Sindaco apprenda dell’affare in quella data), “dispone che il provvedimento venga istruito con urgenza” e che quindi sia portato in Consiglio Comunale.
13 aprile 2006. La 3^ Commissione Consiliare Urbanistica verbalizza il suo parere positivo.
18 aprile 2006. 5 giorni dopo, alle ore 19,30, alla prima convocazione e in poche battute, con 13 voti favorevoli, 3 astenuti e 4 assenti, il Consiglio Comunale approva la variante al P.R.G. che trasforma una zona agricola “E” in zona “CE 4” per la realizzazione di un complesso insediativo chiuso ad uso collettivo.- Delibera n.21
il 25 maggio 2006. Elezioni regionali: vince Cuffaro con il 53,08. Il MPA di Lombardo è il secondo partito della coalizione vincente.
14 giugno 2006. Il CST Ddisa, Giro di vite e i Verdi di Lentini presentano opposizione alla deliberazione del 18.04.2006 n.21 relativa alla variante al P.R.G.
24 giugno 2006. Ballottaggio Elezioni amministrative.  Viene eletto Sindaco di Lentini, con il 56,8% dei voti, Alfio Mangiameli (contro il 43,2% dei voti di  Neri Nello). Nella squadra di assessori anche Armando Rossitto che al primo turno era candidato sindaco della coalizione formata dai Democratici di sinistra, Comunisti Italiani, Italia dei valori, Udeur.
16 settembre 2006. Il segretario dei DS Lidia Costanzo si oppone con comunicato su “Informa Sicilia” al progetto di variante.
14 ottobre 2006. Assemblea cittadina promossa dai DS su Xirumi. Autocritica di chi si era opposto e adesione “spassionata” al grande progetto di variante dei vecchi e nuovi DS. Presente De Benedictis che controlla gli ex insorti e che sulle pagine de La Notizia scrive: del villaggio per gli americani “non ne so quasi nulla”.
16 ottobre 2006. Con delibera n. 52 viene respinta l’opposizione presentata da CST Ddisa, Giro di vite e Verdi e definitivamente approvata la variante al PRG per il cambio di destinazione d’uso dei terreni (Xirumi, Cappellina e Tirirò) da zona E (agricola) a zona CE4 : voti favorevoli 11- astenuti 8 e un consigliere assente. Nessuno contrario
30 novembre 2006. Parere positivo alla variante da parte del Consiglio Regionale dell’Urbanistica reso con voto n594.
1 febbraio 2007. Approvazione della variante da parte dell’Assessorato del Territorio e dell’Ambiente, con Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento Regionale Urbanistica n.93. (pubblicato su GURS n.6 del 13 aprile 2007)
3 febbraio 2007. Il “Comitato per il Territorio – Xirumi Libera” organizza il convegno “Terra e libertà” contro la variante e la mega speculazione della Scirumi Srl
24 marzo 2007. Il Comitato “Xirumi Libera” organizza una manifestazione con corteo cittadino contro la variante Xirumi.
giugno 2007. Dopo le dichiarazioni del Comando americano di Sigonella, che sostiene sia “priva di qualsiasi fondamento” il loro interesse per la variante presentata dalla Scirumi SRL, il Comitato “Xirumi Libera” presenta la richiesta per un Consiglio Comunale aperto per discutere delle dichiarazioni americane. Il Presidente del consiglio Comunale non approva e riuniti i capigruppo, scrive che “considerato che l’A.C. con propria deliberazione si è espressa, si rimanda la convocazione di un C.C. in occasione di nuove situazioni e per discutere eventuali novità”.
25 giugno 2007. La federazione regionale dei Verdi, l’associazione nazionale per il World Wide Fund for Nature, Legambiente e l’Associazione Mediterranea per la natura, impugnano davanti al TAR di Catania la variante adottata dal Consiglio Comunale di Lentini con delibera n.21 e n.52 del 2006.
10 Febbraio 2008. Richiesta al Dirigente del servizio 2 VIA –VAS dell’Assessorato territorio e ambiente, copia della valutazione di impatto ambientale relativa alla variante Xirumi.
4 marzo 2008. Il dirigente responsabile risponde affermando che nessuna procedura ambientale è stata attivata presso il servizio VIA- VAS e che la variante era stata già oggetto di approvazione da parte del Dipartimento Regionale dell’urbanistica dell’Assessorato e aggiunge che “sull’argomento questo Sevizio ha prodotto diverse note con le quali si è comunicato alle amministrazioni competenti ed interessate, non ultimo il Comune di Lentini, della necessità di ottenete tali valutazioni di carattere ambientale ai fini della legittimità di tale approvazione”.
19 aprile 2010. Deposito sentenze TAR CT 1149-1150-1151. Con una motivazione risibile vengono dichiarati inammissibili i tre i ricorsi presentati dalle associazioni ambientaliste per “carenza di interesse ad agire”. Perché mai? Perché secondo il Tar l’atto deliberativo comunale n. 21 del 18.04.2006 e il decreto dirigenziale dell’A.R.T.A. n.93/ 1.02.07 non hanno dato luogo ad alcunché di concreto: al momento del ricorso non si “erano verificati gli eventi” (la costruzione del villaggio per gli americani). Già, ma la trasformazione di una area agricola (e per di più sottoposta a vincoli) in area edificabile con significativo cambio di valore si è verificata eccome!
 2010. Provvedimento prot. N.4702, il coordinatore del 5° settore del Comune di Lentini dispone la costituzione di una unità operativa da affiancarsi al funzionario ICI per l’accertamento per gli anni d’imposta 2005 e successivi.
31 ottobre 2011. È redatta la stima ICI che prevede il “prezzo di vendita in un libero mercato” di €39.849.840,00 per le aree fabbricabili in località Xirumi, Cappellina e Tirirò.
10 novembre 2011. La Giunta comunale di Lentini (Alfio Mangiameli, Annunziata Tronco, Umberto Ferriero, Vincenzo Reale e Fabio Zagami), con l’assistenza del Segretario generale Avv. Daniela Costa, delibera l’approvazione della proposta di “determinazione del valore delle aree fabbricabili per l’anno 2007 concernenti il complesso insediamento chiuso ad uso collettivo per la residenza temporanea degli americani sulla base di Sigonella US NAVY, in località Xirumi, Cappellina, Tirirò, ecc”. Alla delibera è allegata la “Relazione di stima” del 31 ottobre 2011.
28 febbraio 2012. La società Scirumi srl, in persona del suo legale rappresentante dott. Carmelo Garozzo promuove giudizio avanti la Commissione tributaria Provinciale di SR contro l’avviso di accertamento n. 2832 notificato il 2 gennaio c.a., relativo all’ICI per l’anno d’imposta 2007.
21 marzo 2012. La Giunta comunale di Lentini (Alfio Mangiameli, Annunziata Tronco, Umberto Ferriero. Vincenzo Reale e Fabio Zagami), con l’assistenza del Segretario generale Avv. Daniela Costa, delibera l’approvazione della proposta “di resistere nel giudizio” proposto dalla Scirumi srl.
12 dicembre 2013. Con sentenza N.4-2014 il CGA Siciliano (presso cui era stato proposto appello avverso la sentenza del TAR Catania da parte di Legambiente e dell’associazione Mediterranea per la natura) annulla gli atti relativi alla variante indicati dai ricorrenti e precisamente:
– la delibera del consiglio comunale di Lentini n. 21 del 18 aprile 2006, mediante la quale fu adottata la variante al locale P.R.G.C. con cambio di destinazione d’uso di terreni ricadenti nelle contrade Xirumi, Cappellina e Tirirò, da zona agricola “E” a zona “CE4”, per la realizzazione di un “complesso insediativo chiuso ad uso collettivo ex art. 15 della L.R. 71/78 destinato alla residenza temporanea di militari americani della base di Sigonella U.S. Navy;
– la delibera del consiglio comunale n. 52 del 16 ottobre 2006, mediante la quale furono rigettate le osservazioni pervenute avverso la delibera di adozione della suddetta variante al P.R.G.C.;
– il parere reso dal consiglio regionale dell’urbanistica (CRU) con voto n. 594 del 30 novembre 2006 in ordine alla citata variante urbanistica;
– il decreto dirigenziale Arta – direzione regionale dell’urbanistica – n. 93 del 1° febbraio 2007 di approvazione della variante urbanistica.
18 agosto 2014. Deposito della sentenza contro l’ex governatore della Sicilia Lombardo: “acquistavano terreni agricoli nella prospettiva di ottenerne la variazione di destinazione urbanistica, e poi realizzare elevati guadagni con la plusvalenza” della proprietà. Il Giudice cita l’esempio di ben quattro casi: il piano di costruzione di alloggi per militari Usa di contrada Xirumi, non realizzato, e tre centri commerciali, dei quali uno solo è stato costruito.
OGGI. Dalla Giunta Mangiameli e da tutti gli attori e comparse locali dell’affare Xirumi … NESSUN COMMENTO

Lascia un commento